face to face


Dialoghi tra scultura e pittura


presso Garage Bonci

p.zza repubblica, 3 | pietrasanta [LU]
dal 30 marzo al 28 aprile 2013
opening | sab 30 marzo | ore 18
aperti dal venerdì alla domenica

facebook | https://www.facebook.com/events/145305642305075/



Fossero segni colorati sulle pareti di una caverna o terra e acqua messe insieme alla meglio, sin da subito le civiltà che furono, per quanto primitive, sentirono il bisogno di rappresentare e rappresentarsi. Gioco e linguaggio al tempo stesso, da quella terra e da quelle caverne tutto è nato – o, almeno, lì nacquero scultura e pittura.

Prime testimonianze figurative e fondamenta su cui si basa da sempre l’arte, scultura e pittura ancora oggi confermano la loro complementarietà al mercato digitale, non comprimarie ma protagoniste solide accanto a media liquidi e “alla moda”.

Apre il 30 marzo negli spazi di Garage Bonci a Pietrasanta "face to face-Dialoghi tra Scultura e Pittura", mostra collettiva che, partendo proprio dai linguaggi basilari dell’arte, li interpreta e reinterpreta dimostrandone la centralità e le potenzialità espressive inalterate dopo secoli di esistenza. Anzi, forti di una varietà materica impensabile solo pochi anni fa, pittura e scultura si confermano, una volta di più, efficaci nel messaggio quanto moderne nell’approccio. 

Otto nomi - Gianfranco Bianchi, Natalia Carrus, Luca Cecioni, Miho Iwahashi, L017, Bruno Larini, Pamela Napoletano, Katiuscia Rubin - per altrettanti discorsi solidi e tangibili che, dall’essenzialità di strumenti familiari (pennelli, scalpelli, fiamme ossidriche...), creano forme e oggetti reali plasmando una contemporaneità insolita (vinile, cibachrome, resine, plastiche mentre i colori e gli smalti si fanno rilievo). 

Otto artisti - liberi, come sempre al Garage Bonci, da direttive curatoriali - impegnati in un faccia a faccia figurativo e astratto di statue e tele in cui scultura e pittura sono sì alfabeto unico, ma dalle possibilità linguistiche illimitate.

face to face-Dialoghi tra Scultura e Pittura, dal 30 marzo al 28 aprile 2013, venerdì e sabato dalle 16 alle 20, la domenica dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 20. In mostra otto artisti contemporanei per otto interpretazioni attuali di un linguaggio eterno.